sabato 24 agosto 2013

Pillole di saggezza letteraria n.10

I libri che gli uomini chiamano "immorali" sono semplicemente libri che mostrano al mondo la sua vergogna. Tutto qui.
Oscar Wilde

Oscar Wilde

martedì 13 agosto 2013

Di prossima lettura - Estate 2013, n.1

I prossimi due libri che leggerò e recensirò qui su Lo scaffale dei libri sono:


Il toro non sbaglia mai di Matteo Nucci. Un romanzo, un saggio, una riflessione filosofica. Sulla corrida, sulla vita, sulla morte.


Un pappagallo sull'albero del pepe di Chris Stewart. Dopo Una casa tra i limoni, continua l'appassionato e divertito resoconto di Chris Stewart, ex batterista dei Genesis, che ha lasciato l'Inghilterra per vivere in una grande fattoria nella campagna andalusa, a sud di Granada.

lunedì 5 agosto 2013

UN PONTE SULL'ETERNITÀ. Una storia d'amore

Un ponte sull'eternità è l'autobiografia di Richard Bach. O meglio, è il racconto di una parte della vita di Richard Bach, l'autore de Il gabbiano Jonathan Livingston.
Richard, scrittore e pilota d'aviazione dallo stile di vita naïf, si ritrova improvvisamente milionario grazie all'enorme successo ottenuto dalla pubblicazione del suo primo libro. Mentre cerca un metodo per gestire al meglio la pioggia di dollari che gli si è riversata addosso prendendolo alla sprovvista, Richard non perde di vista il suo principale obiettivo: trovare l'anima gemella, la donna ideale con la quale condividere la sua vita. L'affannosa ricerca, dopo una serie di fallimentari avventure, lo conduce al risultato sperato. E il risultato si chiama Leslie Parrish, nota attrice, bella e brava. Il rapporto fra i due, però, soprattutto all'inizio, non sarà tutto rose e fiori, ma costellato da forti incomprensioni e furibondi litigi. Ostacoli che i due amanti riusciranno a superare grazie alla forza dell'amore che li unisce.

Il libro parte bene. Il racconto all'inizio è appassionante, poi però, superati i primi capitoli, annega in un fiume di chiacchiere lunghe e noiose, come le dettagliate descrizioni degli aeromobili guidati da Bach.
Richard e Leslie sono due personaggi insopportabili. Richard ha dei modi di fare e di pensare che sfiorano l'assurdo, un carattere bizzarro che suscita antipatia profonda, tanto da condurre la stessa Leslie sull'orlo di una crisi di nervi. Leslie, dal canto suo, è descritta come una specie di Wonder Woman: bella, ricca, famosa, attrice di successo, paladina della giustizia, impegnata attivamente nel sociale, musicista e musicologa sui generis, tuttologa, dotata di un'intelligenza superiore alla norma, pratica e risolutiva in ogni intricata situazione, e poi paziente, dolce, sensibile, ironica, raffinata... insomma, è talmente perfetta da fare schifo!
I dialoghi fra i due sono insulsi e melliflui, mentre improbabile è il loro modus vivendi. Nel testo la punteggiatura va più volte a farsi benedire, inoltre la traduzione - curata da Pier Francesco Paolini - non mi ha convinta.

Credevo con questa sorta di autobiografia, Richard Bach avesse qualcosa di interessante ed originale da insegnarci sull'amore, invece non fa altro che ribadire concetti scontati, noti anche ai sassi. Una lettura portata avanti a fatica. Fatta eccezione per un paio di riflessioni profonde e poetiche, il resto è da dimenticare. Un'autentica delusione.
Un ponte sull'eternità è la pretesa di Richard Bach di spiegare ai lettori, attraverso l'esempio della sua esperienza sentimentale con Leslie Parrish, il significato dell'amore eterno e indistruttibile e dell'anima gemella, quella vera, unica, insostituibile, quella che ti cambia in meglio e ti insegna a volare, quella che una volta trovata non la lasci più. Morale della favola? Richard e Leslie hanno divorziato nel 1999, dopo solo 22 anni d'amore. Pochi mesi dopo il divorzio, Richard è già unito in matrimonio ad un'altra donna.
VOTO: 2/5

Richard Bach (nella foto a destra) è nato a Oak Park (Illinois, Usa) il 23 giugno 1936. Prima di dedicarsi alla narrativa, è stato pilota riservista per l'U.S. Air Force, scrittore di manuali tecnici per la Douglas Aircraft Company e anche pilota acrobatico. La sua passione per l'aviazione marcherà, in modo più o meno evidente, gran parte della sua produzione letteraria, dalle prime opere dove è citata direttamente a quelle più recenti dove il volo diventa una complessa metafora della vita.
Ha avuto sei figli dalla sua prima moglie, Bette, da cui ha divorziato nel 1970. Nel 1993, suo figlio Jonathan, giornalista, ha scritto un libro in cui analizza il controverso rapporto con il padre: A Reunion of Father and Son. Nel 1973 durante la lavorazione del film tratto dal libro Il gabbiano Jonathan Livingston, conosce l'attrice Leslie Parrish, che diventerà, nel 1977, la seconda moglie. Nel 1999, Bach ha poi divorziato anche da lei, per risposarsi nell'aprile dello stesso anno con Sabryna Nelson-Alexopoulos.
Il 1º settembre 2012 ha un incidente con il proprio idrovolante e viene ricoverato in ospedale in gravi condizioni. Dopo quattro mesi viene dimesso dall'ospedale. Da questa esperienza Bach racconta di aver avuto l'ispirazione per il completamento della quarta parte de Il gabbiano Jonathan Livingston, originalmente pubblicata in tre sezioni.
Attualmente vive e lavora a Seattle.

Titolo: Un ponte sull'eternità. Una storia d'amore
Titolo originale: The bridge across forever
Autore: Richard Bach
Traduttore: Pier Francesco Paolini
Editore: BUR Rizzoli (collana Narrativa)
Anno: 2008