martedì 14 maggio 2013

In breve: LETTERE DI UNA MONACA PORTOGHESE


Cinque lettere scritte da una monaca portoghese del XVII secolo e indirizzate a un ufficiale francese che prima l'ha sedotta e amata e poi abbandonata. Cinque lettere brevi ma intense in cui la giovane religiosa riversa tutta la sua disperazione per un amore finito male. Un amore che le ha fatto conoscere i piaceri della carne e il profumo della felicità ma che le ha fatto anche assaggiare il sapore amaro della delusione, improvvisa e inaspettata. Terminata la lettura ti chiedi chi altri, in letteratura, sia riuscito ad esprimere in maniera così struggente, profonda e analitica le tribolazioni di un cuore infranto, ma non trovi risposta.

Apparse anonime a Parigi nel 1669, Le lettere portoghesi costituirono fin da subito un caso letterario. La loro attribuzione, infatti, è stata tra le più controverse della storia letteraria francese. Da un lato si è prestata fede all'autenticità della monaca, cui alcuni eruditi ottocenteschi riuscirono anche a dare un nome e una biografia: quelli di Mariana Alcoforado, nata nel 1640 e vissuta fin dall'età di dodici anni in un convento portoghese. Dall'altro, dopo una serie di ricerche, nel Novecento si è finito nell'identificarne l'autore in Gabriel-Joseph de Lavergne, conte di Guilleragues, cortigiano con prestigiose amicizie letterarie e autore di versi galanti e mondani. Egli, però, non confessò mai di aver scritto l'opera, né mai alcuno dei suoi amici gliela attribuì.

Eccellente edizione questa della Marsilio, con testo francese a fronte, curata nei minimi dettagli, con attenzione certosina, da Brunella Schisa, autrice anche della traduzione e dell'introduzione che ripercorre accuratamente tutta la controversa storia dell'opera. Giovanni Cacciavillani, invece, firma una postfazione dotta e raffinata.

Al di là del mistero, che forse mai sarà risolto, circa la reale identità dell'autore di questo capolavoro della letteratura francese, restano queste cinque epistole potenti, liriche, appassionate che affascinano, commuovono e spiazzano.
VOTO: 5/5

Titolo: Lettere di una monaca portoghese
Titolo originale: Lettres portugaises
Autore: Anonimo
Traduttore: Brunella Schisa
Curatore: Brunella Schisa
Editore: Marsilio (collana Letteratura universale - sotto collana I fiori blu)
Anno: 1991

2 commenti:

  1. Grazie, un bellissimo post.Ne avevo sentito parlare ma non ho mai letto il mi affretterò a farlo, mi sembra eccellente.
    A presto.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un capolavoro, Anto! Leggilo, non te ne pentirai.
      Alla prossima!

      Elimina