lunedì 31 dicembre 2012

Classifica dei libri letti nel 2012

Siamo ormai giunti alla fine di un altro anno e ci apprestiamo ad affrontarne uno nuovo. Sono, questi, giorni di ricordi dell'anno appena trascorso, di bilanci, di resoconti, di retrospettive... di classifiche. Ed è una sorta di classifica quella che voglio proporvi nell'ultimo post dell'anno: la classifica dei libri che ho letto nel 2012. Ho deciso di dividerli in tre categorie: Bellissimi, Così così, Brutti, sporchi e cattivi. La stragrande maggioranza di essi li ho accuratamente recensiti (le recensioni le reperite nella colonna destra del blog, alla voce "Libri recensiti", sono elencate in ordine alfabetico), altri invece li ho solo brevemente commentati sulla mia pagina aNobii cui vi invito a visitare (potete accedervi anche dallo scaffale posto sotto la voce "Libri letti", sempre nella colonna destra del blog). Dunque:

BELLISSIMI:

101 storie di regine e principesse che non ti hanno mai raccontato di Marina Minelli;

India di Catherine Bourzat, Laurence Mouton e Sergio Ramazzotti;

Fiabe d'amore di Marie-Catherine d'Aulnoy e Jeanne-Marie Leprince de Beaumont;

Crocifisso per la sua debolezza di Tarcisio Zanni;

L'amante di Marguerite Duras;

Lezioni di seduzione di Emma Wildes;

Conoscere i gioielli di Patrizia di Carrobio;

Il cappello del prete di Emilio De Marchi;

I fiori del male di Charles Baudelaire;

Fedra di Jean Racine;

COSÌ COSÌ:

I passi dell'amore di Nicholas Sparks;

Segreti di AA.VV.;

Simposio di Platone;

Sogni tra i fiori di Mariagrazia Buonauro;
5 sensi + 1 di Inachis Io; 

I messaggi segreti dei fiori di Mandy Kirby;

Borgo Propizio di Loredana Limone;

Come vivere alla moda di Sonia Tiffany Grispo;

Rosa d'aprile di Georgette Heyer;

La grammatica dell'amore di Rocío Carmona;

BRUTTI, SPORCHI E CATTIVI:

Confessioni di AA.VV.;

Amore, zucchero e cannella di Amy Bratley;

Una notte perfetta di Bella Andre;

Se Dio ci ha fatte nude di Candice Hill;

La modella perfetta di Ilan Asmes;

Un lavoro eccitante di Ilan Asmes.

sabato 29 dicembre 2012

Citazione libresca n.15

[...] L'amante è cosa più divina dell'amato, perché un dio lo possiede [...]

da Simposio di Platone

Immagine raffigurante due amanti durante un banchetto, proveniente dalla “Tomba del tuffatore” (480 a.C. ca.), trovata nel 1968 e oggi conservata presso il Museo Archeologico Nazionale di Paestum.

lunedì 24 dicembre 2012

Buon Natale 2012!

A tutti voi, i miei auguri di un sereno Natale.
Sorridete, mangiate e... leggete (se potete)! ^_^

domenica 23 dicembre 2012

Letture universitarie

Miei cari lettori,
per me, come per tanti studenti universitari come me, il nuovo anno avrà inizio, come di consueto, all'insegna degli esami. A me, subito dopo queste festività, aspettano due esamoni: Letteratura Italiana e Storia del Teatro e dello Spettacolo. I programmi di entrambi gli insegnamenti prevedono, oltre allo studio dei manuali di base, anche la lettura di testi che sono dei classici della letteratura italiana ed europea.
Per quanto riguarda Storia del Teatro dovrò leggere una tragedia e due drammi, ovvero:




Fedra di Jean Racine;




Ernani di Victor Hugo;




Il gabbiano di Anton Čechov.


Per quanto concerne Letteratura Italiana, invece, oltre ad alcuni pezzi "forti" estrapolati dai capolavori di Dante, Petrarca, Machiavelli, Manzoni, Verga, Morante ed altri, dovrò leggere per intero:




Il sentiero dei nidi di ragno di Italo Calvino.


Di queste opere abbiamo già letto e commentato dei frammenti in aula, con i docenti, durante le lezioni. Ora a casa ci aspettano le letture integrali e approfondite. Non so dire se recensirò o meno questi libri ma di certo li commenterò in breve sulla mia pagina aNobii, cui vi invito sempre a visitare.
Dunque, in questi giorni, tra una forchettata di spaghetti alle vongole e un pezzo di zampone, tra una fetta di pandoro e un sorso di champagne, nutrirò la mente e l'anima con le parole uscite dalle penne di questi grandi autori. Il tutto accompagnato da uno studio matto e disperato e da tanta, tanta ansia :-\
Ciò significa, però, che mi allontanerò un po' dal blog. Non voglio dire che lo trascurerò, anzi, nei prossimi giorni pubblicherò altri post, ma per quanto riguarda le recensioni - che sono gli articoli che mi richiedono più impegno e tempo - mi vedo costretta a rimandarle. Quindi, appena mi libererò da questi impegni, scriverò le recensioni degli ultimi tre libri che ho letto: Borgo Propizio di Loredana Limone, Rosa d'aprile di Georgette Heyer, La grammatica dell'amore di Rocío Carmona.
Voi, comunque, continuate a seguirmi e a sostenermi perché il vostro supporto è il motore che fa andare avanti questo blog.
E fatemi l'in bocca al lupo per gli esami! :-)
Vi abbraccio!

domenica 16 dicembre 2012

Un tenerissimo segnalibro

Miei cari lettori, nelle due foto che seguono vi mostro un bel segnalibro distribuito in questo periodo dall'associazione umanitaria Save the Children. Sul retro, esso riporta delle parole semplici che però indicano il ruolo fondmentale che l'istruzione ricopre nella crescita di un bambino e, soprattutto, sottolineano quanto un nostro contributo - anche minimo - riesca a garantire ai bambini del Terzo Mondo il nutrimento e il diritto allo studio (due cose basilari per un essere umano ma purtroppo troppo spesso negate agli abitanti delle zone più povere della Terra). Perché la cultura rende uomini liberi. Ovunque.

Fronte

Retro