martedì 23 aprile 2013

Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore 2013

Oggi, 23 aprile 2013, ricorre la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore, istituita dall'Unesco nel 1995. Tempo addietro, vi parlai accuratamente di quest'importante ricorrenza attraverso questo post.

venerdì 19 aprile 2013

Citazione libresca n.18

[...] Ecco cosa è, imparare, dopotutto: non importa se si perde la partita, ma conta come la si perde e in che modo mutiamo, noi, a causa di questa sconfitta, eppoi conta quel che ne ricaviamo, qualcosa che prima non avevamo e che potremo applicare ad altre partite. Perdere – in certo qual modo curioso – è vincere.

da Un ponte sull'Eternità di Richard Bach.

lunedì 15 aprile 2013

Di prossima lettura - Primavera 2013, n.1

I prossimi tre libri che leggerò e recensirò qui su Lo scaffale dei libri sono:

Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen. Quando Charles Bingley, un ricco scapolo, e un amico, il misterioso Darcy, vanno ad abitare a Longbourne nell'Hertfordshire vicino alla famiglia Bennet, composta da ben cinque figlie in età da marito, la quiete che regna in questo angolo di campagna inglese viene subito a mancare. Una storia d'amore, provocazioni e prevaricazioni.

Il giardino segreto di Frances Hodgson Burnett. In un'antica e misteriosa dimora inglese tre ragazzi scoprono l'amicizia e il loro amore per la natura.

Violetta di Giana Anguissola. Finita la scuola, Violetta viene mandata in villeggiatura da un parente parroco. Quella che si annunciava come una noiosa vacanza si rivelerà una straordinaria e divertente esperienza nella natura.

sabato 13 aprile 2013

Alla vostra attenzione, n.6

Antonio Grassi mi ha segnalato il suo quarto romanzo Vernice fresca, edito da Libreria Dornetti, ed è con grande piacere che io, a mia volta, lo segnalo ai lettori del mio blog.


Dalla quarta di copertina: Una cittadina della provincia lombarda, un laboratorio di ingegneria genetica, un virus che può distruggere il mondo, la minaccia del bioterrorismo e i servizi segreti...
E la verità è una sola: un attacco biologico è devastante quanto quello nucleare.
Migliaia di scienziati sono in grado di realizzare armi batteriologiche da vendere a terroristi, dittatori, mercenari.
Il mondo è in pericolo!
E il diavolo è il vicino della porta accanto.

Booktrailer:


Uno scientific thriller dunque, come lo ha definito Hans Tuzzi, che non passerà certo inosservato agli amanti del genere.
Miei cari lettori, se l'ingegneria genetica e il bioterrorrismo vi affascinano, questo è il libro che fa per voi!

Antonio Grassi, giornalista e scrittore, già responsabile della redazione cremasca del quotidiano La Provincia di Cremona. Ha pubblicato la trilogia Macramè, L'erba del diavolo, Il cuore batte ancora, romanzi gialli a sfondo sociale e due pamphlet su questioni ambientali: Golflandia e altre storie e Forte Apache. 

Antonio Grassi

sabato 6 aprile 2013

L'angolo della poesia, n.1


I fiori del male di Charles Baudelaire.

La quintessenza della Poesia (quella con la P maiuscola).
Un'opera monumentale, sublime, inarrivabile.
Una discesa negli inferi dell'animo umano.
Ti scava dentro, ti scuote le viscere, ti strappa lacrime amare.
Le inquietudini, le angosce, le paure, le ombre che come mostri famelici divorano la mente, il cuore e l'anima dell'uomo sono qui svelati in tutta la loro terrificante nudità.
Macabro, erotico, mistico. Sconvolgente. Unico.

Charles Baudelaire

Titolo: I fiori del male
Titolo originale: Les fleurs du mal
Autore: Charles Baudelaire
Trauttore: Cosimo Ortesta
Autore dell'introduzione: Giovanni Cacciavillani
Editore: Giunti (collana BIG Biblioteca Ideale Giunti)
Anno: 2007

martedì 2 aprile 2013

In breve: LA GRAMMATICA DELL'AMORE


Dopo il divorzio dei genitori, Irene, giovane adolescente di Barcellona, viene spedita a studiare in un college nel sud dell'Inghilterra. Qui soffre la sua prima delusione d'amore. Confusa e amareggiata, troverà un inaspettato aiuto nel suo affascinante e giovane professore d'inglese che, per risollevarle il morale, le proporrà una serie di lezioni di grammatica dell'amore consistenti nella lettura di sette grandi capolavori della letteratura mondiale: da Tolstoj ad Austen, da Màrquez a Murakami. Grazie alle bizzarri proposte del professore d'inglese e all'amicizia con Marcel - suo coetaneo con una grande passione per la corsa - Irene riuscirà a ritrovare la fiducia in se stessa e, soprattutto, nell'amore.

Tematiche affrontate e stile narrativo dell'autrice (Rocío Carmona) lasciano intendere, fin dalle prime pagine, che il libro è rivolto prevalentemente a un pubblico di giovanissimi. Sorvolando sul madornale errore, più volte ripetuto, relativo al nome del protagonista maschile di Orgoglio e Pregiudizio (Mark Darcy anziché Fitzwilliam Darcy... e ci sarebbe da discuterne ma lasciamo perdere) si può definire questa storia carina nonostante risulti sempliciotta, prevedibile e improbabile in molte sue parti. La conclusione, inoltre, abbandona il lettore in una pozzanghera di punti interrogativi, primo fra tutti: cosa hanno effettivamente insegnato ad Irene i sette classici della letteratura che il professore d'inglese le ha suggerito di leggere? Persino la stessa protagonista se lo chiede... Ohibò!
VOTO: 3/5

Rocío Carmona

Titolo: La grammatica dell'amore
Titolo originale: La grámatica del amor
Autore: Rocío Carmona
Traduttore: Rita Feleppa
Editore: Fanucci (collana Teens International)
Anno: 2012